Gabriele Gesso, Segretario Provinciale di Rifondazione Comunista: facciamo che noi eravamo…?

Pubblichiamo una nota del Segretario Provinciale di Rifondazione Comunista Gabriele Gesso. Speriamo che valga ad aprire una discussione ormai impellente:

Siamo alla vigilia di una nuova tornata elettorale e il campo della sinistra torna ad occuparsi con urgenza dell’unità. Quest’anno il teatro del nuovo cammino è il Brancaccio, il cartellone vede in scena Sinistra Italiana, Mdp, Rifondazione Comunista, le associazioni, i movimenti in assetto di ascolto e l’immancabile società civile. La colonna sonora è ancora una volta “la fiera dell’est”: l’azione di uno dipende dalle scelte dell’altro in un sempre meno avvolgente turbinio di dichiarazioni tese a far pendere la bilancia un po’ più da un lato o più dall’altro.
Negli ultimi anni ho partecipato a molti tentativi unitari alcuni più convincenti, penso alla nettezza della scelta di campo che fu dell’Altra Europa, altri meno appassionanti che hanno rappresentato meri cartelli elettorali. La composizione politica del percorso del Brancaccio, come ad oggi è conosciuta, sancisce la fine della relazione tra significante e significato, trasforma la domanda di alternativa alle politiche neoliberiste di cui è principale interprete il Partito Democratico, in alternativa al PD di Renzi.
Tra un anno ne avrò quaranta, per non so quanto ho lavorato con contratti a progetto. Oggi ho un contratto part-time a tempo indeterminato per quello che vale in tempo di Jobs Act. Forse avrò una pensione sociale e sono tra quelli che si devono considerare fortunati. In tantissimi pagano le politiche di austerità che si fondano sull’ideologia del pareggio di bilancio.
In questo quadro il percorso del Brancaccio che fa? Mi propone un’alleanza anti Renzi con quanti hanno sostenuto e con quanti ancora sostengono queste politiche.
Dico al mio partito, ai compagni e alle compagne di Rifondazione Comunista, che siamo ancora in tempo a rompere questo schema che guarda all’unità come fine e non come strumento. Qualche mese fa in una lettera indirizzata anche al gruppo dirigente nazionale del Prc, alcuni militanti esprimevano la necessità di scegliere in tempo, di lavorare ad un progetto politico non condizionato dalle scadenze e dalle leggi elettorali. Quel tempo è ora!
Non voglio sentirmi dire a qualche settimana dalla presentazione delle liste che non c’è alternativa, non più. Lo ricordate quel gioco che si faceva da bambini? Ebbene, facciamo che noi non eravamo Navarra. Facciamo che l’alternativa la costruiamo a partire dai processi reali che pure si stanno generando in giro per l’Italia. Processi che richiamiamo nei nostri dibattiti definendoli di buone pratiche, di cui a volte siamo coprotagonisti, processi che tornano ad entusiasmare e motivare la militanza, processi a cui non possiamo voltare le spalle alla vigilia delle tornate elettorali in nome di un rassicurante schema tattico puntualmente fallimentare. Ci sarà pure da qualche parte un proverbio cinese che dice meglio un due per cento di prospettiva che una minuta pattuglia parlamentare senza progetto politico! Faccio questa battuta perché so bene che in un partito bisogna preoccuparsi anche delle elezioni. Eppure bisogna farlo con una prospettiva generale oltre che di fase. Ci sono ambiti di attivismo sociale e politico che iniziano a porsi con serietà il nodo della soggettività politica e dell’organizzazione. La stessa Rifondazione Comunista attraverso i suoi iscritti è impegnata nella costruzione di quello che abbiamo definito il Partito Sociale. Destrutturiamo il tema dell’unità della sinistra come mantra, come preghiera. Uniamo i conflitti, le esperienze di mutualismo e solidarietà sociale, uniamoci per rovesciare l’austerità.

Gabriele Gesso, Segretario Provinciale Partito della Rifondazione Comunista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *